Solo titoli

Da vedere


Huma3 collabora con


Efemeride

Il 20 Giugno di

1819 nacque il compositore francese Jacques Offenbach

1887 nacque l'artista tedesco Kurt Schwitters

1890 nacque il pittore Giorgio Morandi

GLASSTRESS 2015 GOTIKA alla Biennale di Venezia 2015

Recycle Group Steam I- 2015 Photo  Recycle Group
Wael Shawky_
The Cabaret Crusades, The Secrets of Karbala_
Credits Francesco Allegretto.
Wael Shawky_ The Cabaret Crusades, The Secrets of Karbala_ Credits Francesco Allegretto.
Reliquario a forma di torre, Germania (?) XIV-XV secolo -  h. 24 cm Bronzo, vetro, lamina d’oro San Pietroburgo, Museo Statale Ermitage Photo Rustam Zagidullin
         
Un centinaio d’opere d’arte medioevale in vetro e altri oggetti d’epoca, appartenenti alle straordinarie collezioni dell’Ermitage e ai Musei Riserva Statale di Pavlovsk e di Peterhoff, in dialogo con le creazioni d’arte contemporanea in vetro di 50 artisti, provenienti da oltre 20 nazioni.

L’essenza di GLASSTRESS, dal 2009 evento collaterale della Biennale di Venezia, è far dialogare l’arte contemporanea con il vetro - materiale magico, straordinariamente versatile e tra i più innovativi - grazie al coinvolgimento d’importanti artisti internazionali in una città che nel vetro vanta una tradizione millenaria. Quest’anno, GLASSTRESS propone un tema affascinante come il Gotico, le sue connessioni e i suoi riflessi nella società attuale e nell’arte contemporanea, 
in un’edizione ancora più ambiziosa e importante.
 
GLASSTRESS 2015 Gotika è un progetto condiviso infatti tra il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo, la Fondazione Berengo e Berengo Studio di Venezia, con la collaborazione della Fondazione Musei Civici di Venezia e di Ermitage Italia, 
ideato da Dimitri Ozerkov Direttore del Dipartimento d’Arte Contemporanea del Museo Statale Ermitage e di Hermitage 20/21 - Progetto per l’Arte Contemporanea - e da Adriano Berengo.
 
Un centinaio d’opere d’arte medioevale in vetro e altri oggetti gotici e neo-gotici, appartenenti alle straordinarie collezioni dell’Ermitage e ai Musei Riserva Statale di Pavlovsk e di Peterhoff,  in gran parte mai presentati al pubblico - ostensori, reliquari, croci in vetro, armature – saranno dunque esposti a Venezia nel “gotico” Palazzo Franchetti affacciato sul Canal Grande,  in dialogo con le creazioni di 50 artisti provenienti da oltre 20 nazioni, ideate per l’occasione e realizzate dai maestri vetrai nella fornace Berengo di Murano.
 
Lo stile gotico, nell’arte visiva europea e nell'architettura, è stato il primo vero stile internazionale, il primo linguaggio comune; un modus vivendi che ha accomunato molte nazioni per almeno quattro secoli. 
Allo stesso modo l'arte contemporanea è diventata lo stile internazionale, la "Biblia pauperum" compresa oggi dall'Europa all'America, dal Nord Africa al Giappone.
 
Agli artisti, invitati da tutto il mondo, è stato dunque chiesto di rispondere nelle loro opere ai concetti propri del Gotico e del neo-gotico e alle condizioni “medievali“ della nostra vita. Simbologie, elementi rappresentativi, gusto e ideali rievocati in stupefacenti creazioni che affrontano anche le similitudini tra un Medioevo incerto e buio, fondato sulle macerie dei grandi imperi, e il nostro tempo. 
La mostra, che a Palazzo Franchetti s’inserisce perfettamente negli ambienti dell’edificio con le sue  finestre e le scale neo-gotiche, prosegue anche nell’antica fornace di Murano sede della Fondazione Berengo, con lavori pensati appositamente per questo affascinante contesto.

 

 

Indietro


----->   Tornare a Huma3



© 2006 - 2019 Huma3.com - Tutti i diritti riservati